Convenienza e risparmio

Convenienza e risparmio


Il pellet, la convenienza su cui investire
In tempi come questi, fare economia è fondamentale e nulla può essere lasciato al caso, neanche il proprio riscaldamento. L'utilizzo di energie a basso costo e, soprattutto, a bassissimo impatto ambientale come il pellet, garantiscono un notevole risparmio in termini economici rispetto ai tradizionali metodi di riscaldamento. Gli esperti sono dell'opinione che una stufa a pellet faccia risparmiare fino al 40% in più rispetto ad un impianto di riscaldamento tradizionale. Infatti, nonostante l'aumento della domanda, il prezzo del pellet è ancora di molto minore rispetto a quello del metano. La convenienza del pellet emerge anche nel confronto con la legna, risultando, sia a livello di qualità che di omogeneità, migliore. Innanzitutto, il contenuto energetico è maggiore: il pellet registra 5,0 kW per Kg contro i 4,4 della legna. In secondo luogo, è minore il contenuto di acqua: nel pellet l'umidità può arrivare intorno all'8% contro il 50% della legna. Infine, c'è da considerare anche la pezzatura, più uniforme e costante nel pellet rispetto alla legna, senza contare che, pur costando meno, la legna sporca di più ed è più difficile da trasportare. Nonostante il costo della legna sia decisamente inferiore a quello del pellet, c'è da fare qualche considerazione al riguardo: la resa del pellet è sicuramente superiore alla legna, almeno del 10%. Se a ciò si aggiunge il fatto che la stufa a pellet, una volta programmata, non ha bisogno di alcun tipo di manutenzione, la scelta del pellet è quasi d'obbligo. Insomma, il pellet non solo risulta essere meno costoso in termini d'acquisto e di consumo, ma è anche maggiormente conveniente dal punto di vista logistico e ambientale.

Date

22 January 2015

Categories